La lettera di un amico

14 febbraio 2013

lettera di Renzo Raccanelli, amico di Modena che conosce Bricioland…

Ciao sorella Briciolosa, che perdi il pelo ma non il vizio…
Quando penso a te (e ti scrivo) non riesco ad immaginare una persona sola, ma ad una figura mitica con tante braccia come la dea Kali’, tentacolare signora che porge con le sue sedici mani visibili progetti, proposte, racconti, inviti.
Ma la mitica figura in questione  strizza l’occhio e con un filo di voce ed un sorriso appena accennato, dice: “Affacciati, guarda dietro di me e vedrai tutti i progetti che si stanno realizzando…”
Oggi ho visto che uno dei progetti che prima era dietro,  ora è ben visibile sulla mano numero 12: si tratta della briciola “libreriatessile” una grande invenzione, descritta da un genio del marketing contemporaneo sul sito di Francesca (http://ilgaragedeisogni.altervista.org/un-tessuto-diverso/#comment-8):  “…Non è più bello creare un abito, una borsa, una tovaglia o quasiasi altra cosa sapendo da dove viene quel pezzettino di stoffa? E non è forse bello sapere che quell’acquisto che abbiamo fatto nella nostra piccola bottega sotto casa nostra porta la storia e la quotidianità di persone lontane da noi? Può essere un modo per vedere il commercio e i nostri scambi come frutto di relazioni…” 
Brava !!! Brave !!!
Sorella, leggo sempre le lettere che mi invii e certe volte rispondo: questa volta ho letto con immenso piacere…..
Renzo
Annunci