La lettera di un amico

14 febbraio 2013

lettera di Renzo Raccanelli, amico di Modena che conosce Bricioland…

Ciao sorella Briciolosa, che perdi il pelo ma non il vizio…
Quando penso a te (e ti scrivo) non riesco ad immaginare una persona sola, ma ad una figura mitica con tante braccia come la dea Kali’, tentacolare signora che porge con le sue sedici mani visibili progetti, proposte, racconti, inviti.
Ma la mitica figura in questione  strizza l’occhio e con un filo di voce ed un sorriso appena accennato, dice: “Affacciati, guarda dietro di me e vedrai tutti i progetti che si stanno realizzando…”
Oggi ho visto che uno dei progetti che prima era dietro,  ora è ben visibile sulla mano numero 12: si tratta della briciola “libreriatessile” una grande invenzione, descritta da un genio del marketing contemporaneo sul sito di Francesca (http://ilgaragedeisogni.altervista.org/un-tessuto-diverso/#comment-8):  “…Non è più bello creare un abito, una borsa, una tovaglia o quasiasi altra cosa sapendo da dove viene quel pezzettino di stoffa? E non è forse bello sapere che quell’acquisto che abbiamo fatto nella nostra piccola bottega sotto casa nostra porta la storia e la quotidianità di persone lontane da noi? Può essere un modo per vedere il commercio e i nostri scambi come frutto di relazioni…” 
Brava !!! Brave !!!
Sorella, leggo sempre le lettere che mi invii e certe volte rispondo: questa volta ho letto con immenso piacere…..
Renzo

Primo prototipo dello scaffale per la Libreria Tessile

Ecco il primo prototipo della Libreria tessile ovvero lo scaffale realizzato appositamente per esporre le tavolette di stoffa nel vostro negozio – bottega – emporio – boutique – spazio vendita….

Il prototipo è stato realizzato gratuitamente – a sostegno del nostro lavoro in india – dalla dalla falegnameria Genero alla quale si potranno inviare gli ordini dei nuovi scaffali. E’ verniciato con una vernice neutra ed opaca che ne lascia intatta la naturalezza del legno. Falegnameria Genero Danilo <fal.genero@alice.it>
La misura è standard per accogliere 14-16 tavolette in modo che l’investimento non sia troppo impegnativo.
Un vano più piccolo ha la funzione di accogliere volantini, depliant e documentazione fotografica per diffondere maggiori informazioni sul prodotto e sulla filiera etica ai consumatori – clienti che le desiderino.
Le tavolette con i tessuti sono in vendita presso la Cooperativa – Centrale del Commercio Equo Altra Qualità alla quale potete rivolgervi appunto per l’acquisto. AQ vende le tavolette a set di 6 in colori misti. Non è possibile acquistarne in muro inferiore e nemmeno scegliere i colori. Il prezzo potete richiederlo direttamente alla Cooperativa Altra Qualità che ne cura la distribuzione: info@atraq.it.
Sempre ad Altra Qualità si possono richiedere i depliant descrittivi di questo piccolo progetto di solidarietà del Tessile Etico..
Alessandra Bianca L’Abate
lo scaffale in quattro mosse …

Gandhi e la società attuale

2 ottobre 2012

nella giornata mondiale della nonviolenza

Biblioteca di Scienze Sociali 
dell’Università di Firenze
Via delle Pandette n.2

incontro per arricchire il “Fondo per la nonviolenza” della Biblioteca, grazie ai nuovi libri donati ad Alberto L’Abate dai suoi amici gandhiani, indiani ed italiani

Programma dell’incontro

  • ore16 -16,20 : visita al Fondo librario, ed alla Libreria Gandhiana, guidata dalla direttrice della Biblioteca Lucilla Conigliello (secondo pianoB),  e consegna dei nuovi preziosi volumi  (81)  donati da una Associazione Gandhiana di Madurai, dalla Fondazione Langer di Bolzano, e da molti  altri amici;

  • ore 16,20 – 16,40: visita alla mostra fotografica: “Tracce tessili di un programma costruttivo”, 30 foto di Claudia Gori scattate durante l’esperienza al villaggio indiano di Alampundi, a testimonianza del programma “Libreria tessile” lanciato da Alessandra Bianca L’Abate;

  • ore 16,45 – 17,30:  nella sala didattica della Biblioteca, al piano terreno: relazione di Antonino Drago, dell’Università di Pisa, su “Importanza di Gandhi per la cultura e la politica contemporanea”;

  • ore 17,30 – 19,00: presentazione, in Powerpoint, da parte di Alberto L’Abate, del suo ultimo libro, in inglese, sulla metodologia di ricerca per la pace, con discussione  introdotta da Vittorio Capecchi, dell’Università di Bologna – metodologo di fama internazionale, direttore delle riviste: “Quality and Quantity”, e di “Inchiesta”. 

Le tavolette della libreria tessile distribuite dalla centrale del commercio equo Altra Qualità

Uno degli ultimi sviluppi per la libreria tessile e’ che le 240 tavolette importate nel 2012 sono ora distribuite dalla centrale del commercio equo Altra Qualita’ di Ferrara che ha molto a cuore le sorti dei produttori del Gandhi Rural Center.
Pertanto le botteghe del mondo possono richiedere ad Altra Qualità le tavolette di tessuti per “ricaricare la libreria tessile”….
Alessandra

dal sito di Altra Qualità

http://www.altraq.it/

Storie di tessuto: la libreria tessile
Stoffe a metraggio che celano storie, messe in una teca di legno che invece dei libri, raccoglie tessuti del Sud dell’In­dia. E’ la libreria tessile, un progetto nato per far conoscere e diffondere l’arte della tessitura a telaio manuale indiana e allo stesso tempo aiutare un’organizzazione di commer­cio equo, GRRC. Tutti gli scampoli sono in 100% cotone, tessuto a mano al telaio tradi­zionale e trattato con colori a basso impatto ambientale. Ogni tessuto ha una storia a sé e la racconta l’etichetta. Sono disponibili in set in colori assortiti, suddivisi tra set in tinta unita e set a righine. Ogni scam­polo misura 120×310 cm. Sono bellissimi da usare così o da trasformare in abiti, tovaglie, copricuscini e tutto ciò che la fantasia suggerisce.

http://www.altraq.it/product_info.php?manufacturers_id=184&page=5&products_id=15663

Gli abiti di Federica con i tessuti di Weavers Wheel

Cara Alessandra,

ti scrivo dopo un pò di tempo.
spero che tu stia bene.
qui ti ho allegato alcune foto dei miei vestiti (mi piacerebbe caricarle sulla pagina della Libreria Tessile, se si può fare, ma non so come) per far vedere quante cose si possono produrre e come possono continuare le storie di questi tessuti con l’amore per la produzione artigianale e l’interesse nella produzione di questi tessuti e per le persone che ne fanno parte.

A presto Alessandra, ti aspetto a Firenze.
Federica Giordano