Primo prototipo dello scaffale per la Libreria Tessile

Ecco il primo prototipo della Libreria tessile ovvero lo scaffale realizzato appositamente per esporre le tavolette di stoffa nel vostro negozio – bottega – emporio – boutique – spazio vendita….

Il prototipo è stato realizzato gratuitamente – a sostegno del nostro lavoro in india – dalla dalla falegnameria Genero alla quale si potranno inviare gli ordini dei nuovi scaffali. E’ verniciato con una vernice neutra ed opaca che ne lascia intatta la naturalezza del legno. Falegnameria Genero Danilo <fal.genero@alice.it>
La misura è standard per accogliere 14-16 tavolette in modo che l’investimento non sia troppo impegnativo.
Un vano più piccolo ha la funzione di accogliere volantini, depliant e documentazione fotografica per diffondere maggiori informazioni sul prodotto e sulla filiera etica ai consumatori – clienti che le desiderino.
Le tavolette con i tessuti sono in vendita presso la Cooperativa – Centrale del Commercio Equo Altra Qualità alla quale potete rivolgervi appunto per l’acquisto. AQ vende le tavolette a set di 6 in colori misti. Non è possibile acquistarne in muro inferiore e nemmeno scegliere i colori. Il prezzo potete richiederlo direttamente alla Cooperativa Altra Qualità che ne cura la distribuzione: info@atraq.it.
Sempre ad Altra Qualità si possono richiedere i depliant descrittivi di questo piccolo progetto di solidarietà del Tessile Etico..
Alessandra Bianca L’Abate
lo scaffale in quattro mosse …

Gandhi e la società attuale

2 ottobre 2012

nella giornata mondiale della nonviolenza

Biblioteca di Scienze Sociali 
dell’Università di Firenze
Via delle Pandette n.2

incontro per arricchire il “Fondo per la nonviolenza” della Biblioteca, grazie ai nuovi libri donati ad Alberto L’Abate dai suoi amici gandhiani, indiani ed italiani

Programma dell’incontro

  • ore16 -16,20 : visita al Fondo librario, ed alla Libreria Gandhiana, guidata dalla direttrice della Biblioteca Lucilla Conigliello (secondo pianoB),  e consegna dei nuovi preziosi volumi  (81)  donati da una Associazione Gandhiana di Madurai, dalla Fondazione Langer di Bolzano, e da molti  altri amici;

  • ore 16,20 – 16,40: visita alla mostra fotografica: “Tracce tessili di un programma costruttivo”, 30 foto di Claudia Gori scattate durante l’esperienza al villaggio indiano di Alampundi, a testimonianza del programma “Libreria tessile” lanciato da Alessandra Bianca L’Abate;

  • ore 16,45 – 17,30:  nella sala didattica della Biblioteca, al piano terreno: relazione di Antonino Drago, dell’Università di Pisa, su “Importanza di Gandhi per la cultura e la politica contemporanea”;

  • ore 17,30 – 19,00: presentazione, in Powerpoint, da parte di Alberto L’Abate, del suo ultimo libro, in inglese, sulla metodologia di ricerca per la pace, con discussione  introdotta da Vittorio Capecchi, dell’Università di Bologna – metodologo di fama internazionale, direttore delle riviste: “Quality and Quantity”, e di “Inchiesta”. 

Knit cafè alla libreria IBS.it bookshop

Dal 1 ottobre 2012 riprende l’appuntamento dei Knit cafè alla libreria IBS.it bookshop di via de’ Cerretani dove è ospitata la prima libreria tessile.


Ormai alla sua quarta edizione ogni lunedì dalle 17.00 alle 19.00 nella caffetteria di IBS.it bookshop  Knit cafè  si effettuano incontri dove si lavora a maglia, uncinetto, si prende un tè e si fanno quattro chiacchere tra appassionate di tricot e non solo.

Come ogni anno, anche quest’anno il Knit vuol dare risalto al problema dell’ambiente con incontri con produttori di filati ecosostenibili  e laboratori sul riciclo e riprendere le antiche tradizioni dei lavori femminili con esperte che faranno dimostrazioni.


Già dai primi incontri parteciperà Marianne, esperta insegnante di maglia, che sarà poi con noi tutti i primi lunedì del mese per insegnare l’arte della maglia dalle basi fino alle finiture più raffinate attraverso la realizzazione di piccoli accessori di cui fornirà schemi e descrizioni.

Ci sarà Laura Scaccioni, (http://laurascaccioni.blogspot.it/)  un vero  vulcano di idee che stupirà tutti con i suoi lavori  maglia e uncinetto realizzati con le più moderne tecniche creative.

Durante il ciclo dei nostri incontri avremmo ospiti Le FELTRAIE (www.lefeltraie.it ) che ci racconteranno la loro esperienza di recupero e utilizzo di lane locali, e faranno un laboratorio sulla filatura a mano! Parteciperanno insegnanti di tessitura a mano e di tombolo che ci dimostreranno l’arte di questi antichi lavori.

Avremmo la partecipazione di ALTAROSA ( http://www.altarosa.it) che è produzione e vendita di abiti naturali e da coltivazione biodinamica che negli incontri ci spiegherà la propria filosofia e proporrà piccoli laboratori.

Avremo la partecipazione di Nodisnodati (www.nodisnodati.it) per un laboratorio di uncinetto a forcella e avremo la  partecipazioni di stilisti fiorentini fra cui Giorgio Vannini (www.giorgiovannini.it), che disegnerà per noi degli accessori e  lancerà la sfida di realizzarli durante gli incontri Knit , quest’anno il progetto  sarà la realizzazione di  un tubino su suo disegno.

Ci sarà Gomitoli’s , azienda di filati che parteciperà per mostrare la nuova collezione di filati autunno inverno (www.gomitolis.it) e che proporrà piccoli laboratori seguiti dalla propria insegnante.

Roberta Perugini
Ibs.it Bookshop
Via de’ Cerretani 16r 50123 Firenze
Tel. 055 287339

Le tavolette della libreria tessile distribuite dalla centrale del commercio equo Altra Qualità

Uno degli ultimi sviluppi per la libreria tessile e’ che le 240 tavolette importate nel 2012 sono ora distribuite dalla centrale del commercio equo Altra Qualita’ di Ferrara che ha molto a cuore le sorti dei produttori del Gandhi Rural Center.
Pertanto le botteghe del mondo possono richiedere ad Altra Qualità le tavolette di tessuti per “ricaricare la libreria tessile”….
Alessandra

dal sito di Altra Qualità

http://www.altraq.it/

Storie di tessuto: la libreria tessile
Stoffe a metraggio che celano storie, messe in una teca di legno che invece dei libri, raccoglie tessuti del Sud dell’In­dia. E’ la libreria tessile, un progetto nato per far conoscere e diffondere l’arte della tessitura a telaio manuale indiana e allo stesso tempo aiutare un’organizzazione di commer­cio equo, GRRC. Tutti gli scampoli sono in 100% cotone, tessuto a mano al telaio tradi­zionale e trattato con colori a basso impatto ambientale. Ogni tessuto ha una storia a sé e la racconta l’etichetta. Sono disponibili in set in colori assortiti, suddivisi tra set in tinta unita e set a righine. Ogni scam­polo misura 120×310 cm. Sono bellissimi da usare così o da trasformare in abiti, tovaglie, copricuscini e tutto ciò che la fantasia suggerisce.

http://www.altraq.it/product_info.php?manufacturers_id=184&page=5&products_id=15663

Gli abiti di Federica con i tessuti di Weavers Wheel

Cara Alessandra,

ti scrivo dopo un pò di tempo.
spero che tu stia bene.
qui ti ho allegato alcune foto dei miei vestiti (mi piacerebbe caricarle sulla pagina della Libreria Tessile, se si può fare, ma non so come) per far vedere quante cose si possono produrre e come possono continuare le storie di questi tessuti con l’amore per la produzione artigianale e l’interesse nella produzione di questi tessuti e per le persone che ne fanno parte.

A presto Alessandra, ti aspetto a Firenze.
Federica Giordano

 

 

India a porte aperte

a cura di Pangaea TraveLab

http://www.viaggio-in-india.it/

In collaborazione con Alessandra Bianca L’Abate – tessitrice fiorentina, in India dal 1994, dove, ispirandosi alla filosofia gandhiana, opera nel commercio equo e solidale dei tessuti e non solo – abbiamo chiesto a quindici famiglie e/o organizzazioni socialmente attive di aprire le loro porte di casa entrando a fare parte della rete del Turismo Creativo. Le case pronte ad accogliervi sono dislocate in varie località del Sud India.
L’invito a sperimentare questa forma di turismo è rivolto a viaggiatori, di qualsiasi età, che abbiano un particolare affetto e curiosità per l’India accompagnati dal desiderio di scoprirla con occhi nuovi.

Chi lo chiama turismo consapevole, responsabile, etico, giusto…

noi abbiamo deciso di chiamarlo CREATIVE TOURISM (Turismo Creativo) rendendo onore alla scelta di favorire la comunicazione e scambio fra viaggiatori Italiani e Indiani socialmente attivi: contadini, pastori, artigiani tessili, artisti, comunità di persone diversamente abili.

Tutte le notizie sul sito http://www.viaggio-in-india.it/ di Pangaea TraveLab